domenica 15 aprile 2018

Elezioni comunali del 10 Giugno: Lonate ai Lonatesi.

La notizia apparsa recentemente su "LA PREALPINA", nella quale viene paventata la possibilità di candidare a sindaco della "eventuale " coalizione di centro-destra una persona esterna, o meglio non residente in Lonate Pozzolo, ci lascia alquanto perplessi.
E' evidente che il risultato elettorale  del  4 Marzo ha cambiato completamente i rapporti di forza nell'area di centro-destra  a livello Nazionale e locale; un passaggio di leadership da Forza Italia alla Lega di Salvini.
Da una forza moderata ad una populista sovranista.
Ma questa è la democrazia, il risultato  uscito dalle urne va rispettato e messo in pratica, così ha deciso il popolo.
Tornando a Lonate Pozzolo, e stando alle dichiarazioni apparse sui giornali, riteniamo che la Lega abbia tutto il diritto di proporre un loro candidato a Sindaco, ma a nostro giudizio il sindaco della nostra comunità "deve" necessariamente essere una persona che, oltre a possederne  le capacità, deve conoscere le problematiche del territorio, la sua cultura e le sue tradizioni.
Solo una persona che "vive" il territorio può affrontare le sue numerose problematiche che lo affliggono da anni: Rapporti con Malpensa, delocalizzazione, ambiente, depuratore, rispetto della legalità ecc... 
Nel centro-destra Lonatese non mancano le personalità con le capacità di governare Lonate.
L'auspicio è che alla fine prevalga il buon senso, prima di tutto Lonate Pozzolo.

Antonio Patera
coordinatore "PPL"

venerdì 13 aprile 2018

Antonio Patera eletto coordinatore dell'associazione "PPL" Popolari Per Lonate

In data 12 Marzo 2018, si è tenuta l'assemblea dei soci dell'associazione "Popolari Per Lonate",  Antonio Patera è stato eletto all'unanimità coordinatore dell'associazione.
Antonio Patera porta con sè un'esperienza importante maturata nel comune di Lonate Pozzolo in qualità di amministratore : assessore alle politiche sociali nel mandato 2004-2009, Vice-sindaco con delega al commercio e attività produttive nel mandato 2009-2014 e assessore ai lavori pubblici ed ecologia dal 2014-2017.
Una risorsa importante che darà maggior lustro alla nostra associazione.
Il direttivo "PPL" di Lonate Pozzolo

domenica 3 dicembre 2017

La sinistra Lonatese si divide in vista delle prossime elezioni comunali

La sinistra Lonatese ha iniziato le grandi manovre in vista delle prossime elezioni comunali del 2018.
Dalla stampa si è appreso che la sinistra si presenterà divisa alle prossime elezioni comunali che si terranno nel 2018, indicativamente nel mese di Giugno, non proprio dietro l'angolo; evidentemente la vicenda giudiziaria  che ha coinvolto il sindaco Danilo Rivolta  ha creato delle aspettative nel mondo del centro-sinistra Lonatese che intravede la possibilità  di poter governare il paese dopo 13 anni di amministrazione di centro-destra.
I consiglieri di minoranza dei "Democratici Uniti": Nadia Rosa, Luca Perencin e Alessandro Iannello, hanno formalizzato un accordo elettorale  con i consiglieri di "Lista Libera":Giancarlo Simontacchi e Mario Canziani.
I DU, dopo aver aspramente criticato l'operato della maggioranza di centro-destra in 13 anni di amministrazione, decidono di presentarsi alle prossime elezioni con Giancarlo Simontacchi, il quale, eletto per due mandati consecutivi nelle fila del centro-destra;  prima con "Lega Libera e successivamente con Forza Italia,  assumendo il ruolo di Assessore all'urbanistica e Vice-Sindaco nel mandato 2004-2009 e  Assessore alla cultura ed ecologia nel mandato 2009 -2014.
A questo punto c'è da capire se l'accordo con Giancarlo Simontacchi sta a significare che la maggioranza di centro-destra , effettivamente non ha lavorato così male, oppure si tratta di "incoerenza politica", scordandosi del passato...

Dall'altra parte abbiamo il "nuovo che avanza", gli ex amministratori di centro-sinistra: l'ex Sindaco Giovanni Canziani, Sartini, Vaccaro e Brognara, che presentandosi come paladini della legalità, decidono di promuovere una coalizione civica di centro sinistra per le prossime elezioni comunali.
Evidentemente sperano nella possibilità che il tempo abbia cancellato la memoria dei cittadini.
Ancora oggi la comunità lonatese  paga le conseguenze dell'amministrazione di quell'epoca, a buon intenditore poche parole...

Popolari Per Lonate

giovedì 19 ottobre 2017

Referendum autonomia Lombardia.

Cosa chiede il quesito del Referendum?

 L’appuntamento è per il 22 ottobre prossimo. In quel giorno si voterà per il referendum consultivo per l’autonomia. Il quesito che i cittadini troveranno sulla scheda — attenzione — non chiede la secessione delle due regioni, ma la concessione di una maggiore autonomia dallo Stato centrale, guardando al modello delle regioni a statuto speciale. Ecco il testo su cui dovranno pronunciarsi i lombardi: «Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?»

martedì 3 ottobre 2017

Dove erano i "Democratici Uniti" sulla vicenda Bad Boys e Silveri Pasquini ?

Dal sito dei "Democratici uniti" di Lonate Pozzolo si apprende che, su loro proposta, non è da escludere anche una azione legale, da parte del Comune, per recuperare i danni (materiali e di immagine) subiti in questo periodo.
Se le accuse all' ex  sindaco Danilo Rivolta fossero confermate, sarebbe legittimo da parte dei "Democratici Uniti" avanzare la proposta; il danno di immagine per Lonate Pozzolo sarebbe evidente e grave.
In passato, altri fatti più o meno gravi, hanno creato un danno di immagine "e non solo di immagine", al comune di Lonate Pozzolo, ma che purtroppo non hanno trovato lo stesso riscontro da parte dei "Democratici Uniti".

La vicenda  "Operazione Bad Boys" un'inchiesta delle Procure di Varese e Busto Arsizio sulla costituzione e l'operatività della locale di ndrangheta "Legnano-Lonate Pozzolo",  le cui indagini vennero condotte tra il Gennaio 2006 e l'agosto 2008 dalla Compagnia dei Carabinieri di Varese, porto' all'iscrizione nel registro degli indagati di 54 persone e all'arresto di 39 per vari reati, tra cui associazione mafiosa, usura, estorsione, tentato omicidio, traffico di armi ed esplosivi e riciclaggio. Altra cattiva immagine per il comune di Lonate Pozzolo

Altra storia finita nel dimenticatoio dei "Democratici   Uniti", la questione "Silveri Pasquini" .
Correva infatti l'anno 1997 quando il Comune, governato dalla sinistra rilasciava ai due coniugi,  un'errata concessione edilizia,  per la costruzione di una casa bifamiliare in Via XXIV Maggio, immediatamente poi bloccata. I resti dello sfortunato tentativo edificatorio sono ancora ben visibili.
 questo errore è allo stato attuale costato 148.000 € (per il risarcimento) + 42.000 € (di spese legali negli anni) = 190.000 € che si sarebbero potuti spendere per servizi o manutenzioni. 
E ancora non è finita...
In quest'ultimo caso, non solo il danno di immagine, ma anche quello economico a carico della comunità Lonatese.

 Dove erano i  "Democratici Uniti" sulla vicenda Bad Boys e Silveri Pasquini   ?

"Popolari per Lonate"



venerdì 8 settembre 2017

Questione profughi a Lonate Pozzolo: la politica locale si confronta

Da qualche mese, partiti e movimenti Lonatesi, impegnano le loro energie ad affrontare la questione profughi a lonate Pozzolo.
Il Grande Nord ( neonato movimento politico in cerca di visibilità) ha organizzato una raccolta firme tra i cittadini al fine di dimostrare la contrarietà della popolazione Lonatese all'arrivo di nuovi profughi sul territorio.
La sinistra Lonatese ( Democratici Uniti), meno attivi di altri  sulla materia, sceglie la linea morbida, Limitandosi a chiedere il rinvio della questione a dopo le elezioni comunali, che si dovrebbero tenere nella primavera 2018; forse ritengono inopportuno in vista della prossima campagna elettorale  palesare la loro propensione all'accoglienza e l'integrazione dei richiedenti asilo ? Troppo poco popolare ?
Forza Italia, Lega Nord e UDC,  prima organizzano un gazebo informativo comunicando ai cittadini il loro pensiero, cioè, la loro netta contrarietà all'arrivo di nuovi profughi a Lonate Pozzolo e le inziative intraprese verso il Prefetto di Varese, e successivamente, grazie all' intermediazione dell' Eurodeputata Lara Comi, riescono ad ottenere un incontro con il Prefetto, ricevendo rassicurazioni in merito alla paventata possibilità di nuovi arrivi a Lonate Pozzolo.
In sostanza, riteniamo che la strada del dialogo e del confronto tra le istituzioni sia la via da privilegiare.
La chiarezza delle idee, del confronto e del dialogo, portano naturalmente ad ottenere buoni risultati.

"Popolari Per Lonate"
  Lonate Pozzolo

sabato 8 febbraio 2014

Presentazione dell'Associazione "Popolari Per Lonate"


Presentazione dell’ Associazione politico culturale “ Popolari Per Lonate”.
Un laboratorio di idee e un pensatoio di cultura politica . E’ proprio da qui che vuole partire la neonata associazione politico culturale “ Popolari Per Lonate”. Un’Associazione che si ispira ai valori della grande famiglia politica del Partito Popolare Europeo: la dignità della persona, la libertà e la responsabilità, l’eguaglianza, la giustizia, la legalità, la solidarietà e la sussidiarietà.
L’Associazione è a carattere volontario senza scopo di lucro e si prefigge come scopo la promozione delle attività di carattere politico culturale e di impegno sociale al fine di sollecitare la partecipazione attiva e l’impegno civile dei cittadini alla vita socio-politica della comunità.
 L’Associazione è aperta alla partecipazione di quanti condividono le sue finalità , indipendentemente dalle condizioni personali ( di sesso, età, religione, cultura, etnia e condizioni sociali)


“La lontananza della politica Nazionale alle esigenze del territorio è un tema caro a molti, ma difficilmente viene affrontato nelle sedi opportune. L'Associazione “ Popolari Per Lonate”,  vuole colmare proprio questo vuoto,dimostrando fin dalla nascita, di saper prima di tutto ascoltare. La nascita di questa Associazione testimonia l'esigenza del rinnovamento politico, ispirato ai valori  del PPE, che parta dai territori e da chi li vive tutti i giorni in prima persona. Una vera e propria Associazione politico culturale  che, partendo dall'obiettivo di innovare e rinnovare, mira alla prospettiva di investimento sulle competenze, sulla valorizzazione delle specificità  territoriali e soprattutto sulla spinta propulsiva che i giovani possono dare all'attività  politica, affiancando il proprio contributo alle migliori esperienze politico - istituzionali già presenti"